rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
OMICIDI / Teramo

Omicidio Melania Rea: "Parolisi uccise per un rapporto sessuale negato"

Depositate le motivazioni della sentenza di primo grado con il quale il caporal maggiore dell'Esercito è stato condannato all'ergastolo. Per il giudice è stato un "delitto d'impeto".

Sarebbe stato un rapporto sessuale negato a scatenare la furia di Salvatore Parolisi, il caporal maggiore dell'Esercito condannato in primo grado all'ergastolo per avere ucciso, il 18 aprile 2011, la moglie Melania Rea, nella pineta di Ripe di Civitella (Teramo).

E' questa la conclusione alla quale è arrivato il giudice di Teramo, Maria Tommolini, nelle motivazioni della sentenza depositate ieri pomeriggio di cui danno notizia alcuni quotidiani.

Secondo il giudice si è trattato di un "delitto d'impeto" che non avrebbe nulla a che vedere con le relazioni extraconiugali di Parolisi, maturato a causa della frustrazione vissuta dall'uomo nei confronti di Melania, "figura dominante" della coppia.

Nella ricostruzione fornita dal magistrato l'omicidio si sarebbe consumato "in pochi momenti", quando Melania "si è spostata dietro al chiosco della pineta per fare pipì": la vista della moglie seminuda - sempre secondo il giudice - avrebbe verosimilmente eccitato Parolisi che si è avvicinato e ha baciato la donna, per avere un rapporto sessuale.

Melania però avrebbe rifiutato l'avance, forse rimproverando il marito, che a quel punto ha reagito all'ennesima umiliazione, sferrando i colpi con il coltello a serramanico che aveva in tasca.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Melania Rea: "Parolisi uccise per un rapporto sessuale negato"

Today è in caricamento