rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
Cronaca / Milano

Donna morta in casa, imbavagliata e legata: rapina finita male

Il cadavere di una 55enne è stato ritrovato all'interno del suo appartamento in pieno centro. La donna era legata e imbavagliata: probabile rapina finita male

MILANO - E' giallo nel capoluogo lombardo dove il cadavere di una 55enne, Nicoletta Figini, è stato trovato all'interno del suo appartamento in via Ramazzini, pieno centro. A fare la macabra scoperta è stata la colf, che ha notato la porta d'ingresso aperta e ha avvisato la custode dello stabile. 

Entrate in casa, le due donne hanno trovato il cadavere della 55enne in salone. La donna era avvolta in un lenzuolo ed era legata con nastro adesivo e schotch. La prima ipotesi formulata dal medico legale è che la Figini sia morta per soffocamento. Gli inquirenti, intanto, sono sempre più convinti che si tratti di una rapina finita male. L'appartamento, infatti, era completamente a soqquadro e dal tetto era visibile una corda usata dai rapinatori per calarsi in casa. 

La vittima viveva sola nell'appartamento di via Ramazzini e gestiva un negozio di telefonia nei pressi della sua abitazione. La donna era abbastanza conosciuta nel quartiere, anche se uno dei condomini dello stabile ha confermato che era una signora "particolarmente riservata". (da MilanoToday)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna morta in casa, imbavagliata e legata: rapina finita male

Today è in caricamento