rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Crisi economica / Milano

Uccide la moglie e si toglie la vita: "Aveva problemi economici"

Il dramma nella notte a Segrate, nel milanese. L'uomo, 76 anni, aveva appeso fuori dalla porta di casa un biglietto in cui chiedeva di "non entrare"

MILANO - Dramma nella notte a Segrate, frazione San Felice, in provincia di Milano. Un imprenditore di 76 anni ha ucciso la moglie di 66 e poi si è tolto la vita. 

L'anziano, secondo la ricostruzione dei carabinieri, avrebbe prima sparato con una pistola (regolarmente detenuta) alla donna che dormiva nel letto e poi avrebbe puntato l'arma contro di sé. A trovare i corpi è stato un addetto alle pulizie. 

LA RICOSTRUZIONE - Secondo le prime informazioni raccolte dal nucleo investigativo dei carabinieri di Milano, l'imprenditore aveva grossi problemi economici legati alla sua attività commerciale. E' quanto ha spiegato il figlio ai militari dell'arma, dicendo che da tempo la situazione debitoria lo angustiava. Ma, al momento, non si può accertare che questo sia l'unico movente del duplice gesto. I parenti non hanno saputo dire, inoltre, se l'uomo, Pietro Donda, o la donna, Egidia Mamoli, soffrissero di particolari gravi malattie.

L'uomo aveva appeso fuori dalla porta di casa un biglietto in cui chiedeva di "non entrare" e di avvisare "mio figlio". Il messaggio appeso fuori dalla porta ha attirato l'attenzione dei vicini di casa e del collaboratore domestico che, allarmati, hanno chiamato i carabinieri. (da MilanoToday)

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccide la moglie e si toglie la vita: "Aveva problemi economici"

Today è in caricamento