rotate-mobile
Sabato, 28 Gennaio 2023
Città Terni

Ucciso a calci e pugni dopo una lite stradale, svolta nel caso: c'è un arresto

L'omicidio è avvenuto domenica sera a Terni. La lite, finita in tragedia, avrebbe coinvolto almeno quattro persone

Sono a una possibile svolta le indagini sul presunto omicidio avvenuto domenica sera a Terni. In manette è finito un uomo di 30 anni, di origini nigeriane: avrebbe massacrato con pugni e calci il 42enne tunisino Ridha Jamaaoui in seguito a una lite per un incidente stradale. A mettere gli inquirenti sulle tracce dell'uomo sarebbero state le testimonianze delle altre persone presenti ai fatti e alcuni filmati ripresi dalle telecamere nella zona di via Romagna. Ma andiamo con ordine.

La ricostruzione dei fatti

Secondo quanto ricostruito, tutto sarebbe nato da un impatto tra un'auto (guidata da un italiano) e una bici con in sella un giovane nordafricano. La vittima dello scontro avrebbe cominciato ad avanzare una richiesta di risarcimento all’automobilista, che però non voleva saperne di tirare fuori i soldi. Da qui la lite che ha coinvolto almeno altre due persone: Ridha Jamaaoui, il 42enne poi trovato morto, avrebbe preso le parti dell'automobilista e sarebbe stato brutalmente picchiato da un'altra persona che invece era intervenuta per difendere il ciclista. Quest'ultimo avrebbe riportato solo brevi ferite.

Alla scena avrebbero assistito anche alcune persone e dei residenti della zona, molto abitata. In diversi infatti sono stati svegliati durante la notte dalle urla. Quando i carabinieri sono arrivati sul posto, a Borgo Bovio, il presunta omicida era già fuggito. Si tratta, beninteso, di una ricostruzione che dovrà essere verificata nel corso delle indagini. Del caso si occupano i carabinieri di Terni coordinati dalla procura della Repubblica. 

Leggi tutte le altre notizie sull'homepage di Today

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucciso a calci e pugni dopo una lite stradale, svolta nel caso: c'è un arresto

Today è in caricamento