rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Monza e Brianza / Monza e della Brianza

Escavatore si ribalta: operaio muore schiacciato

Il dramma è avvenuto oggi pomeriggio nella provincia di Monza e della Brianza: inutile l'intervento dei sanitari. I sindacati: ''Basta stragi silenziose''

Tragedia sul posto di lavoro a Besana Brianza: un operaio di 50 anni è morto nella giornata di oggi, martedì 11 gennaio, dopo essere stato schiacciato da un macchinario utilizzato in cantiere stradale. 

Operaio muore schiacciato da un escavatore

La richiesta di intervento ai soccorsi è scattata poco dopo le 15.30 dopo che all'interno di un cantiere in via della Fontana l'uomo è stato schiacciato dalla cabina di un macchinario utilizzato per la movimentazione della terra: sul posto si sono precipitati i soccorsi con un'ambulanza e l'elisoccorso in codice rosso insieme ai carabinieri della compagnia di Seregno, alla polizia locale e ai vigili del fuoco del comando provinciale di Monza e Brianza.

Secondo quanto al momento ricostruito l'uomo sarebbe rimasto schiacciato sotto il peso di un escavatore che si sarebbe ribaltato. Purtroppo inutili i tentativi di soccorso: l'operaio è morto sul colpo e i sanitari hanno potuto solamente constatarne il decesso. In corso gli accertamenti per ricostruire la dinamica dell'infortunio che ha causato la morte dell'uomo. 

I sindacati: "Basta stragi silenziose"

In seguito al tragico incidente avvenuto in Brianza sono intervenuti anche Paolo Capone, Segretario Generale UGL e Claudio Morgillo, Segretario Regionale UGL Lombardia. "Ennesima tragedia sul lavoro. L'UGL esprime il suo cordoglio alla famiglia dell'operaio morto a causa di un incidente sul lavoro a Besana Brianza. Alla luce dei troppi casi mortali occorre aprire un tavolo di confronto con il Governo per arginare il triste fenomeno dilagante delle cosiddette morti bianche. E' necessario incrementare i controlli, favorire una maggiore cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro e garantire una formazione adeguata per i lavoratori, soprattutto laddove si svolgono mansioni più a rischio. L'UGL, con il tour 'lavorare per vivere', ha voluto sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni sul grave fenomeno, per dire basta a queste continue stragi silenziose".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Escavatore si ribalta: operaio muore schiacciato

Today è in caricamento