rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Città Mantova

Un altro operaio è morto sul lavoro: aveva 30 anni

Dalle prime ricostruzioni, sembra che l'uomo sia precipitato tra il ponteggio e la facciata del condominio

Ancora un altro incidente fatale sul lavoro. Nella giornata di ieri 13 giugno, a Mantova, un operaio edile di origine brasiliana, il 30enne Alexandro Tonn Loose, è morto in un cantiere allestito in via Pellegrino Salandri, nel quartiere Pompilio.

Dalle prime ricostruzioni, sembra che il 30enne sia precipitato tra il ponteggio e la facciata del condominio, dove erano in corso dei lavori di riqualificazione energetica. Un volo terribile che ha provocato traumi multipli e un conseguente arresto cardiocircolatorio, che, purtroppo, si è rivelato letale. A nulla, infatti, sono servite le manovre di rianimazione dei soccorritori del 118, sopraggiunti immediatamente sul luogo della tragedia.

Il cantiere è stato messo sotto sequestro, mentre sul corpo del 30enne è stata disposta l'autopsia. Accertamenti sulla dinamica e sulle regolarità contrattuali del giovane sono in corso da parte dei tecnici di Ats Valpadana.

La regione Lombardia è tra quelle che fa registrare i più alti tassi di morti bianche: sono infatti già 46 i decessi da inizio anno, con Brescia maglia nera (12), seguita da Milano (10) e Bergamo (5). Il dato è in costante crescita da quando sono riprese le attività edilizie dopo il Covid.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un altro operaio è morto sul lavoro: aveva 30 anni

Today è in caricamento