rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Città Padova

Tengono la figlia sotto il sole per chiedere l'elemosina, rischia un colpo di calore mortale

I due genitori tossicodipendenti la portavano in passeggino. La bambina, accaldata e disidratata, non rispondeva agli stimoli

PADOVA - Tenevano la figlia di soli due anni nel passeggino, sotto al sole cocente, mentre chiedevano l'elemosina ai passanti. E' accaduto ieri pomeriggio in piazza Bardella a Padova. Una coppia di tossicodipendenti, di origini italiane, è stata segnalata al Tribunale dei Minori di Venezia e ora l'autorità giudiziaria valuterà l'ipotesi di reato.

La polizia ha soccorso la piccola dopo aver ricevuto la segnalazione da parte di un cittadino padovano. Gli agenti hanno trovato la coppia attorno alle 16.30, la bambina non rispondeva agli stimoli a causa dell'afa e delle alte temperature. La bimba era accaldata, sotto evidente stress fisico e non si muoveva. I poliziotti hanno provato a rinfrescarla, bagnandole i polsi, ma le condizioni della piccola si sono rivelate comunque gravi. La bimba è stata quindi trasportata all'ospedale di Padova, ora è ricoverata in Pediatria.

Il padre, 34 anni, disoccupato, ha precedenti per droga ed, espulso, aveva il divieto di ritorno a Padova. Anche la madre, 25 anni, ha precedenti legati al mondo della droga. Il colpo di calore è una forma di ipertermia in cui la temperatura corporea aumenta in modo pericoloso e improvviso. Il colpo di calore è un’emergenza medica e può essere fatale se non prontamente ed adeguatamente trattato.

Continua a leggere su Padova Oggi

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tengono la figlia sotto il sole per chiedere l'elemosina, rischia un colpo di calore mortale

Today è in caricamento