Sabato, 31 Ottobre 2020
Paolo Scaroni. Foto da BresciaToday
Brescia

Massacrato dopo la partita, prima in coma e poi invalido. Tutti assolti: "Sono schifato"

Sono stati tutti assolti, anche in secondo grado, i sette poliziotti accusati del pestaggio nei confronti di Paolo Scaroni, tifoso del Brescia

"Sono schifato, ma continuerò la mia lotta", ha detto all'uscita dal tribunale commentando l'esito giudiziario. Sono stati tutti assolti per insufficienza di prove, anche in secondo grado, i sette poliziotti accusati del pestaggio nei confronti di Paolo Scaroni, tifoso del Brescia originario di Castenedolo che il 24 settembre del 2005, in stazione a Verona, aveva riportato ferite così profonde da mandarlo in coma, e una volta ripreso è rimasto invalido al cento per cento.

La Corte di Appello di Venezia di fatto ha confermato la sentenza di primo grado. Scaroni non esclude un ricorso in Cassazione, il terzo e ultimo grado di giudizio.

Paolo Scaroni, poliziotti assolti in appello per insufficienza di prove

La pubblica accusa, rappresentata dal sostituto procuratore Paola Cameran, aveva chiesto 7 anni di carcere per ciascuno degli agenti a processo. Si tratta di poliziotti della Celere di Bologna, quel giorno impegnati in un servizio di ordine pubblico proprio a margine della partita tra Verona e Brescia. Gli scontri con i tifosi si scatenarono in stazione, nel mezzo ci rimase il povero Paolo Scaroni, quello che più di tutti ha pagato le conseguenze della violenza. Prima in coma, e poi invalido: negli anni Paolo Scaroni non ha mai mollato la presa, tra processi in aula e battaglie fuori dai tribunali, come quella - condivisa con Amnesty International - per il codice identificativo dei poliziotti anti-sommossa in servizio

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti della Celere erano stati assolti in primo grado per insufficienza di prove. La difesa ha chiesto l’assoluzione anche in appello, ribadendo che il fatto oggetto dell’accusa non sussiste. E così è andata la sentenza. “Qualcuno ha sbagliato, nessuno ha pagato”: questo recitava uno striscione degli ultras bresciani in occasione delle tante manifestazioni di protesta a sostegno di Scaroni.

L'ultras che aspetta giustizia da otto anni: "La polizia mi ha ridotto in fin di vita" 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Massacrato dopo la partita, prima in coma e poi invalido. Tutti assolti: "Sono schifato"
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...