Martedì, 9 Marzo 2021
Bologna

Lo studente che mangia un filo metallico con la pizza e finisce all'ospedale

Ricoverato al Sant'Orsola di Bologna, se l'è cavata dopo due interventi. I gestori della pizzeria a domicilio sono stati denunciati

Due cittadini italiani di trent'anni gestori di una pizzeria a Bologna sono stati denunciati a piede libero per lesioni personali colpose e corpo estraneo in alimento dai carabinieri dei Nas. Nel maggio scorso uno studente è finito ricoverato per settimane al Policlinico Sant'Orsola perché aveva ingerito un pezzo di metallo, finito non si sa come nella pizza che si era fatto portare a domicilio. 

In collaborazione con il Ris di Parma i militari, dopo l'episodio, hanno eseguito accertamenti nell'attività dove era stato fatto l'ordine per la consegna. Durante l'ispezione hanno notato spazzole con setole metalliche usate per pulire il piano di lavorazione della pizzeria che hanno sequestrato. Analizzandole, i tecnici hanno notato che i filamenti delle spazzole erano compatibili con quello che ha ferito lo studente e hanno proceduto alla denuncia. 

In un primo momento le condizioni del ragazzo erano molto gravi, tanto da fare temere per la sua vita. Dopo un mese di cure e due interventi chirurgici il ragazzo è migliorato dopo che è guarito dall’infezione provocata dal corpo estraneo. Il frammento metallico che ha ingerito, e che gli è stato rimosso dall’esofago dai medici del Sant’Orsola, a quanto pare era una sorta di sottile filo di ferro, della lunghezza di qualche centimetro. 

La bimba di sette anni morta in un incidente sulla Casilina

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo studente che mangia un filo metallico con la pizza e finisce all'ospedale

Today è in caricamento