rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Città Piacenza

Così due agenti hanno aiutato un gruppo di ucraini sordomuti in difficoltà

Incrociati per caso in un’area di servizio, i rifugiati non riuscivano a mettersi in contatto con i parenti

La Polizia di Stato ha fornito assistenza ad un gruppo di profughi ucraini sordomuti in autostrada A21. Si sono incrociate in un'area di servizio le strade di Manuel e Michele, giovani agenti della Polizia di Stato, e di Vasyl, Dariia, Marika, Ludmila, Galina, Serghei e Vasyl, profughi in fuga dall'Ucraina. I sette viaggiavano a bordo di un pullman romeno sul quale hanno portato tutto ciò che le bombe avevano risparmiato, anche tre gattini.

Provenienti da Kiev e da Charkiv hanno mostrato ai poliziotti le immagini delle loro case distrutte. In Italia hanno dei parenti o dei conoscenti che li possono ospitare ma avevano difficoltà a contattarli perché quattro di loro sono sordomuti. I poliziotti, dopo aver offerto loro la colazione, hanno chiamato una associazione di Piacenza che si occuperà di aiutarli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Così due agenti hanno aiutato un gruppo di ucraini sordomuti in difficoltà

Today è in caricamento