Lunedì, 17 Maggio 2021
Napoli

Caos nel centro vaccinale: "Insulti e minacce da chi rifiuta AstraZeneca", la Asl chiama la polizia

L'episodio alla Mostra d'Oltremare di Napoli. L'azienda sanitaria: "Fatto gravissimo, le offese agli operatori non sono accettabili"

Lunghe code alla Mostra d'Oltremare, screenshot

"Insulti e minacce verbali agli operatori sanitari" da parte di "diversi utenti" che, al centro vaccinale della Mostra d'Oltremare, "una volta definita l'accettazione", avrebbero preteso la somministrazione del vaccino Pfizer o Moderna rifiutando il vaccino Astrazeneca "pur in assenza di validi motivi". A denunciare l'episodio è la Asl Napoli 1 Centro, il cui direttore generale Ciro Verdoliva, si legge in una nota dell'azienda sanitaria, ha richiesto un intervento delle forze di polizia "al fine di sedare le proteste". Al centro vaccinale della Mostra d'Oltremare erano stati convocati per oggi 4mila cittadini appartenenti alla fascia d'età 60-69 per i quali - sottolinea la Asl - è previsto il vaccino Astrazeneca".

Ma qualcuno a quanto pare avrebbe cambiato idea. "Non è accettabile alcun comportamento di minaccia o insulto nei confronti del personale sanitario o delle guardie di sicurezza impegnate nello svolgimento del proprio lavoro a servizio dei cittadini", si legge nella nota della Asl. Verdoliva parla di "fatto gravissimo" e aggiunge: "Non tollereremo che con tali comportamenti e tali pretese si faccia saltare l'organizzazione di un intero centro vaccinale pensando di poterci costringere a somministrare vaccini diversi da quelli previsti". Il direttore sanitario della Asl Napoli 1 Centro Maria Corvino ricorda "che la vaccinazione con Pfizer è possibile solo per cittadini che hanno patologie o condizioni di salute tali da rendere indispensabile la somministrazione del vaccino a m-Rna. Chi ritiene di essere affetto da patologie per le quali è prevista la somministrazione di vaccino a m-Rna - conclude Corvino - può iscriversi nelle apposite categorie, diversamente non ci saranno deroghe e nessuna eccezione".

Napoli, lunghe code e proteste alla Mostra d'Oltremare: video

Certo è che alla Mostra d'Oltremare non è filato tutto liscio. Non sono mancati assembramenti, proteste e tempi di attesa di diverse ore, come evidenziato nel video in basso e negli scatti dei presenti. A causare i disservizi sarebbe stato, almeno in alcuni casi, anche il mancato rispetto da parte di molti dell'orario di convocazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ho ricevuto Pfizer come prima dose e ora vogliono somministrarmi Astrazeneca"

E sempre da Napoli, e per la precisione dal quartiere Pianura, arriva la denuncia di una donna di 75 anni che sostiene di aver ricevuto la prima dose del vaccino Pfizer, contrariamente a quanto sostiene l'azienda sanitaria. "Mi è stato detto che devo tornare tra due mesi perchè dalla piattaforma vaccinale risulta che la prima dose che ho ricevuto era Astrazeneca e non Pfizer" ha raccontato la donna a NapoliToday. Sono andata su tutte le furie, perché mi è stato più volte detto durante la prima somministrazione che mi era stato inoculato il Pfizer. Ora non so che fare. Dato che non rilasciano alcuna attestazione dopo la prima dose come faccio a sapere cosa realmente mi è stato iniettato la prima volta? Non ho niente contro Astrazeneca, ma non vorrei che fosse mitigato l'effetto del vaccino con tipologie differenti. Sono stata presa in giro o non è stata aggiornata la piattaforma?". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos nel centro vaccinale: "Insulti e minacce da chi rifiuta AstraZeneca", la Asl chiama la polizia

Today è in caricamento