Mercoledì, 28 Luglio 2021
Città Roma

Pomezia, dopo il rogo tossico la paura: "Valori aria tre volte sopra la soglia di rischio"

Il 5 maggio il valore delle Pm10 misurato dalle centraline dell'agenzia ambientale del Lazio era di 130 nanogrammi per metro cubo, mentre il 6 maggio era sceso a 73. Il limite di legge è di 50. Le scuole di Pomezia resteranno chiuse per due giorni

POMEZIA (Roma) -  Arrivano i primi dati dell'Arpa sull'aria di Pomezia, dove venerdì è andata a fuoco l'Eco X. I valori di Pm10 nell'aria intorno all'azienda sono oltre i limiti, ma "analoghi" a quelli del "centro urbano di Roma nei periodi invernali di particolare criticità". Il 5 maggio il valore delle Pm10 era a 130 nanogrammi per metro cubo, mentre il 6 maggio era sceso a 73. Il limite di legge è di 50. Valori inferiori alla norma, invece, sono stati rilevati nelle altre centraline, in particolare quelle di Ciampino, Cinecittà e Fermi, oltre ad Albano Laziale. 

Arpa evidenzia che "il dato relativo al giorno 5 maggio 2017 si riferisce a un campionamento che è stato effettuato a partire dalle ore 13.30 e terminato alle 24, e pertanto rappresenta una media della concentrazione del Pm10 riferito a 10 ore e mezza. Il campionamento del 6 maggio è invece, come previsto nella norma, riferito a una media sulle 24 ore".

Arpa ricorda che la normativa prevede che il limite di 50 ug/m3 non può essere superato oltre 35 volte durante l'anno solare. I campioni raccolti sono stati inviati ai laboratori dell'Arpa Lazio per le successive determinazioni analitiche di idrocarburi policlicici aromatici (Ipa) e diossine, analisi che richiedono tempi tecnici incomprimibili, i cui risultati verranno comunicati non appena disponibili.

"I dati delle centraline l'Arpa della Regione Lazio fortunatamente non evidenziano danni o possibilità di danni per la popolazione". spiega il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Per quanto riguarda il rischio amianto, "sta intervenendo la Procura quindi aspettiamo i dati", mentre "le precauzioni sono quelle che sono state diramate dalle autorità della Regione Lazio in queste ore". 

"Un incendio di natura dolosa - sottolinea il sindaco di Pomezia, Fabio Fucci, intervistato da Sky Tg24 - sarebbe una cosa gravissima e un attentato per l'intera città. Confermata la presenza di amianto incapsulato sul tetto dello stabilimento. Le scuole di Pomezia resteranno chiuse per due giorni "per consentire una pulizia straordinaria e un lavaggio delle polveri che si sono depositate in questi giorni". Inoltre, il primo cittadino ha firmato un'ordinanza che vieta la raccolta e la vendita di frutta e verdura nel raggio di 5 km dal punto dell'incendio e in ogni caso si raccomanda di lavarle bene prima del consumo. 

Segui tutte le ultime notizie su Roma Today

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pomezia, dopo il rogo tossico la paura: "Valori aria tre volte sopra la soglia di rischio"

Today è in caricamento