Venerdì, 18 Giugno 2021
Città Pisa

Il 74enne malato di Covid che va in banca violando la quarantena (e si sente male)

Succede a Santa Croce sull'Arno. L'uomo aveva 38 di febbre ed è collassato davanti all'impiegata dell'istituto di credito, che è stato chiuso e sanificato

In copertina: immagine di repertorio

La Nazione racconta oggi che un uomo di 74 anni positivo al coronavirus giovedì mattina si è presentato in una banca a Santa Croce sull'Arno e si è senttio male. Sulla vicenda indagano i carabinieri della compagnia di San Miniato, che procederanno con il deferimento alla procura della Repubblica di Pisa. L'uomo ha violato la quarantena nonostante fosse positivo sintomatico e avesse 38 di febbre: si è sentito male davanti all'impiegata della filiale del Monte dei Paschi di Siena. 

Per chi è tenuto ad osservare una quarantena obbligatoria perché positivo, positivo asintomatico o anche familiare di una persona positiva, in caso di violazione, oltre a compromettere la propria salute e quella dell’intera collettività contribuisce anche al collasso del Sistema sanitario. Nel caso in cui in cui un positivo al coronavirus violi la quarantena obbligatoria si configura per lui o per lei il reato di cui all’articolo 650 codice penale (vale a dire inosservanza dei provvedimenti dell’autorità) al quale viene ancorato anche l’articolo 452 ovvero delitti colposi contro la salute pubblica, che prevede una reclusione da 1 anni a 5 anni. La banca è rimasta chiusa giovedì per agevolare la sanificazione degli ambienti.

Le sei regioni che rischiano il lockdown soft

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 74enne malato di Covid che va in banca violando la quarantena (e si sente male)

Today è in caricamento