Lunedì, 1 Marzo 2021
Cosenza

Il prete positivo al coronavirus che faceva bere i fedeli dal suo calice

Un sacerdote che presta servizio nella chiesa dell'Eparchia di Lungro qualche giorno prima di sapere di essere malato ha concelebrato una messa di rito greco nel corso della quale ha permesso che i fedeli partecipanti bevessero dallo stesso calice al momento dell'eucarestia

Un sacerdote che presta servizio nella chiesa dell'Eparchia di Lungro in provincia di Cosenza è risultato positivo al coronavirus. La cattedrale dedicata a San Nicola di Mira è stata chiusa dal sindaco e da domenica nella chiesa è vietato svolgere ogni funzione religiosa. E la cosa che allarma le autorità sanitarie, racconta LacNews24, è che il prete, di origine libanese, qualche giorno prima di ricevere la comunicazione della sua positività ha concelebrato una messa di rito greco nel corso della quale ha permesso che i fedeli partecipanti bevessero dallo stesso calice al momento dell'eucarestia comunicata sotto la doppia specie del pane e del vino. Il sacerdote è stato sottoposto alla quarantena fiduciaria così come il suo confratello che ha preso parte alla stessa messa.

Un video che documenta la scena è girato nei giorni scorsi sui social network: per questo adesso si sta cercando di ricostruire il tracciamento dei fedeli che hanno preso parte alla cerimonia religiosa per sottoporre tutti al test del tampone, al quale poi dovranno essere sottoposti anche i loro familiari. In questi giorni, conclude il sito, si è provveduto anche alla sanificazione degli ambienti della Cattedrale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il prete positivo al coronavirus che faceva bere i fedeli dal suo calice

Today è in caricamento