rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Calcio / Milano

Idea anti razzismo: "Stadio gratis per chi è nato da Roma in giù"

E' la Pro Sesto a lanciare questa proposta per fronteggiare il caso che riguarda i cori insultati Napoli e i napoletani. Il presidente "Faremo entrare gratis allo stadio chi è nato da Roma in giù"

SESTO SAN GIOVANNI (MILANO) - "La Pro Sesto non discrimina. Faremo entrare gratis allo stadio chi è nato da Roma in giù". E' Salvo Zingari, presidente della Pro Sesto, a lanciare la prima idea concreta "anti razzismo" sui campi di calcio. 

Zingari esprime "grande amarezza, delusione e sconcerto" per il provvedimento di penalizzazione che ha colpito il club lombardo. La società di Sesto San Giovanni, che milita in serie D e che quest'anno celebra il centenario, è la prima squadra di calcio a subire una penalizzazione in termini di punti in classifica per 'discriminazione territoriale'

Il giudice sportivo ha infatti comminato un punto di penalizzazione, 2.000 euro di multa e la chiusura della curva per cori e striscione di discriminazione territoriale contro i napoletani nel match contro il Pontisola. 

"Partiamo da un concetto che sgomberi subito il campo da ogni equivoco: io non giustifico niente e nessuno", dice Zingari, dal sito del club: "Questi cori sono da condannare e gli sforzi societari e quelli sportivi dei giocatori che scendono in campo non tollerano il non rispetto delle persone sia esso di diverso colore che di diversa collocazione geografica".

Significativo, poi, il fatto che il presidente della Pro Sesto sia nato a Palermo e si dica "fiero e orgoglioso delle mie origini meridionali". Altro dato da considerare: "A Sesto San Giovanni la popolazione è composta per l'80% da immigrati del sud, buona parte dei quali provenienti proprio da Napoli e dalla Campania".

Da qui l'amarezza: "Che colpa può avere la Pro Sesto, il presidente Zangari e chi, come me in società, destina (senza alcun tipo di ritorno) migliaia di euro ogni anno per garantire una gestione corretta di un club che fa fare calcio a oltre 350 ragazzi e rappresenta una città, come Sesto San Giovanni, di quasi 85.000 abitanti, se una ventina di persone, che pagano regolarmente il biglietto, non rispettano la legge?", si domanda Zangari. 

E se il presidente ha già avvertito che alla fine della stagione lascerà la guida della squadra, Zingari non ha intezione di arrendersi in questi mesi che lo separano dall'addio al calcio. "Da domenica prossima chi è nato da Roma in giù potrà entrare gratis allo stadio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Idea anti razzismo: "Stadio gratis per chi è nato da Roma in giù"

Today è in caricamento