Sabato, 18 Settembre 2021
Omicidi

Tragedia in Valtellina, padre uccide il figlio di 6 anni e poi si impicca

L'uomo, 43 anni, non aveva mai dato segni di squilibrio: le motivazioni del gesto restano avvolte nel mistero, forse una depressione di cui nessuno si era mai accorto

Immagine di repertorio

SONDRIO - Tragedia familiare a Tovo Sant'Agata, in Valtellina, dove un uomo di 43 anni, approfittando dell'assenza della moglie, ha ucciso il figlioletto e poi si è tolto la vita.

Il dramma, come riporta il Corriere della Sera, è avvenuto nel primo pomeriggio di ieri. Il bimbo, che sabato aveva festeggiato i sei anni, è stato strangolato dal papà, Protasio Enrico Sala, 43enne: l'uomo - racconta il Corsera - "non aveva mai dato segni di squilibrio", eppure ieri mentre la moglie era al lavoro all’ospedale di Sondalo, dove fa l’infermiera, ha preso il piccolo Pietro e da Grosio, dove viveva la famiglia, e si è diretto in auto verso una villetta in ristrutturazione a Tovo Sant’Agata.

Qui ha messo in pratica il suo folle piano omicida: prima ha ucciso il figlioletto - la prima ipotesi è che il piccolo sia stato strangolato, ma la certezza arriverà solo dall’autopsia - poi è andato in garage e si è tolto la vita impiccandosi. A dare l’allarme è stata la moglie che non riusciva a mettersi in contatto con i familiari.

Prima di uccidersi il 43enne ha lasciato un biglietto d’addio per spiegare i motivi del suo gesto. Nel biglietto l’uomo avrebbe fatto riferimento ai problemi di salute del figlio che aveva dei disurbi nel parlare. Niente di così serio e invalidante, però, da spiegare un gesto simile. Stando a quanto emerso, inoltre, non risulta che marito e moglie avessero particolari problemi . Forse alla base della tragedia, una forma di depressione dell'uomo di cui nessuno si sarebbe mai accorto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia in Valtellina, padre uccide il figlio di 6 anni e poi si impicca

Today è in caricamento