rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Città Carbonia-Iglesias

Operai occupano miniera a 373 metri di profondità

Trenta minatori della Carbosulcis hanno bloccato l'accesso ai pozzi con cumuli di carbone e mezzi meccanici

GONNESA (CARBONIA-IGLESIAS) - Una protesta eclatante per chiedere un intervento del governo e sbloccare il progetto di rilancio del sito. Una trentina di operai della Carbonsulcis, con un blitz ieri sera intorno alle 22.30, hanno occupato la miniera di Nuraxi Figus, a Gonnesa, scendendo a 373 metri di profondità.

L'accesso ai pozzi è stato bloccato da cumuli di carbone e mezzi meccanici. La protesta è esplosa per convincere il governo a sbloccare il progetto di rilancio della miniera con la produzione di energia pulita dal carbone attraverso la cattura e lo stoccaggio di anidride carbonica nel sottosuolo.

I lavoratori chiedono un intervento rapido dei rappresentanti istituzionali affinché venga fissato un incontro con i leader dei partiti che appoggiano il governo Monti, Alfano Bersani e Casini. L'obiettivo è quello di indurre l'esecutivo nazionale a dare il via libera al progetto integrato carbone-miniera-centrale elettrica.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operai occupano miniera a 373 metri di profondità

Today è in caricamento