rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Città Roma

È morta la donna precipitata dal parcheggio del centro commerciale

L'incidente mentre si trovava in sella a uno scooter. Silvia era agente di polizia penitenziaria e lascia due figli. I colleghi, saputa della notizia della sua morte, hanno avviato una raccolta fondi

Silvia R., mamma di due figlie e agente penitenziario di Roma, è morta appena arrivata in ospedale. Troppo gravi le ferite riportate a seguito di quel volo fatto dall'ultimo piano del parcheggio del centro commerciale dopo aver perso il controllo dello scooterone che stava guidando nel pomeriggio di ieri, domenica 4 dicembre.

Precipitata da diversi metri, la donna di 48 anni è rimasta gravemente ferita e trasportata d'urgenza in ospedale. Arrivata al policlinico di Tor Vergata, però, il suo cuore ha smesso di battere. Silvia lascia una figlia di 18 anni e un figlio di 14. Sull'incidente dalla dinamica ancora al vaglio, indaga la polizia.

Silvia, caduta dal parcheggio del centro commerciale

L'allarme è scattato intorno alle 16:30 di ieri. Tante le chiamate al numero unico per le emergenze, quasi in contemporanea con la richiesta d'aiuto del persona di vigilanza del centro commerciale che ha attivato il presidio sanitario fisso di Roma est. 

Secondo i primi riscontri, Silvia era in sella a uno scooter quando sarebbe finita contro le barriere poste a protezione dei parcheggi. Sbalzata dalla sella è poi caduta nel vuoto, con il mezzo rimasto bloccato nel parcheggio all'ultimo piano. 

Il ricordo dei colleghi

Chi la conosceva la descrive come "una donna e una mamma dolcissima, una grande lavoratrice, affidabile, presente, responsabile, una persona che non si è mai tirata indietro nel lavoro e nella vita, con grande senso del dovere e di abnegazione".

Secondo quanto appreso, Silvia aveva ritirato il suo scooter lo scorso primo dicembre. Tre giorni prima della tragedia. La poliziotta ha lavorato tanti anni negli istituti penitenziari di Roma "con serietà e professionalità assoluta", raccontano di lei alcuni colleghi che a RomaToday rivelano: "Stiamo avviato una raccolta offerte per aiutare i figli. Le volevamo bene tutti". 

"Silvia ha lasciato un vuoto senza misura - sottolinea un altro compagno di lavoro - La porterò sempre nel mio cuore. Era mia amica, una sorella che non avevo. Mi è sempre stata accanto. Abbiamo condiviso gioie e dolori, abbiamo viaggiato. Mai nessuno potrà sostituirsi a lei. A febbraio avrebbe dovuto dare la tesi di laurea".

Una testimone: "L'abbiamo vista passare, poi la caduta"

A raccontare la dinamica dell'incidente, è stata una testimone: "Ero in macchina e abbiamo visto lo scooterone passarci davanti. Non andava veloce in un primo momento. - spiega una ragazza a RomaToday - Si vedeva però che non era stabile. Prima ha urtato un'auto poi ha nuovamente accelerato ed è finita contro il parapetto, cadendo di sotto. Una scena terribile. Era cosciente quando abbiamo chiamato i soccorsi. Abbiamo pensato a un malore. O forse ha perso il controllo dello scooter a causa dell'asfalto bagnato, o le si era incastrato il guanto nell'acceleratore. Non lo so". La testimone ha poi aggiunto anche un altro elemento: "Il parcheggio era pieno. C'era molta gente domenica. Quasi tutti i posti erano occupati". In sostanza se un'eliambulanza fosse decollata, non sarebbe potuta atterrare lì. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È morta la donna precipitata dal parcheggio del centro commerciale

Today è in caricamento