rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
Città Brescia

Ragazza incinta costretta a prostituirsi: l'orrore in un appartamento

Lo sfruttatore è stato incastrato anche dal racconto di alcuni clienti fermati dai poliziotti. E' successo a Montichiari, in provincia di Brescia

Un appartamento del centro di Montichiari, in provincia di Brescia, era stato trasformato in una casa a luci rosse: al suo interno una ragazza incinta era costretta a prostituirsi. L’uomo che sfruttava la giovane prostituta è finito a processo e nei giorni scorsi è stato condannato a due anni e otto mesi di reclusione con pena sospesa. Si tratta di un 39enne: secondo quanto ricostruito dagli agenti della Polizia Locale di Montichiari, costringeva due donne romene, di 29 e 32 anni, a prostituirsi all’interno di due appartamenti della cittadina bresciana.

Ragazza incinta costretta a prostituirsi: uomo arrestato a Montichiari

I clienti venivano attirati attraverso alcuni annunci pubblicati su siti web hard: concordato l’appuntamento e i prezzi per le prestazioni, ricevevano indicazioni dettagliate su come raggiungere le case e salire negli appartamenti senza dare nell'occhio. Cautele che non hanno funzionato, perché gli agenti hanno incrociato i dati riportati sugli annunci e quelli relativi alle persone che risultavano intestatarie di affitti di più abitazioni. Una volta individuati gli appartamenti sospetti sono scattati gli appostamenti e le intercettazioni.

A confermare quanto accadeva all’interno delle case a luci rosse anche il racconto di alcuni clienti, fermati appena dopo essere usciti dalla porta. Tutto avveniva all’insaputa dei proprietari che avevano affittato, con regolare contratto, gli immobili al 39enne.

L’ex tentò di strangolarla: "Uscirà dal carcere e mi ucciderà, ma non mi pento della denuncia"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazza incinta costretta a prostituirsi: l'orrore in un appartamento

Today è in caricamento