rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Città Perugia

Ventenne si sente male in discoteca, il gestore le offre aiuto e la stupra

Il giudice gli ha inflitto una condanna a 5 anni e 4 mesi. Altre ragazze hanno denunciato molestie

Cinque anni e 4 mesi. È la condanna inflitta a 54enne gestore di una discoteca, al confine tra Umbria e Toscana, a Città della Pieve, accusato di violenza sessuale su una ragazza ventenne e di altre quattro giovani che lo hanno accusato di molestie dopo l’arresto avvenuto il 6 ottobre del 2022.

L’uomo, difeso dall’avvocato Roberto Romagnoli, era accusato di aver violentato una giovane cliente del suo locale. Questa la ricostruzione. La ragazza si è sentita male e mentre un addetto alla vigilanza le chiedeva se chiamare il 118, il 54enne si sarebbe fatto avanti, portando la giovane nel suo ufficio, facendola bere e abusando di lei. Quando la giovane è riuscita a lasciare l’ufficio, è scoppiata a piangere con i suoi amici, che hanno provato ad aggredire l’uomo, salvato dalla vigilanza. Poi l’intervento delle forze dell’ordine e dei sanitari, con il trasporto della ragazza in ospedale. Dopo questi fatti anche altre giovani clienti si sono fatte avanti, denunciando le molestie, palpeggiamenti e tentativi di baci da parte dell’uomo.

La Procura di Perugia, con il sostituto procuratore Mario Formisano, contestava all’uomo l’aggravante dell’abuso di alcol, in quanto il 54enne avrebbe continuato a offrire da bere alla giovane “nonostante versasse in uno stato palesemente alterato”, approfittando della sua vulnerabilità, gettandosi sopra la ragazza, che giaceva per terra, immobilizzandola e togliendole i pantaloni. La vittima avrebbe tentato di opporre resistenza, di divincolarsi, ma era stordita dall’alcol e non è riuscita a opporsi alla violenza.

Continua a leggere su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ventenne si sente male in discoteca, il gestore le offre aiuto e la stupra

Today è in caricamento