Giovane comparsa stuprata in strada dopo le riprese della fiction

La ragazza era appena uscita dall'ospedale dove si sta girando la fiction quando è stata aggredita e violentata

Una giovane di 21 anni ha denunciato di essere stata stuprata da un uomo che le ha prima puntato un coltello alla gola e poi, dopo averla rapinata, l'ha trascinata dietro una siepe nei pressi di un pista ciclabile davanti all'ospedale Niguarda di Milano e l'ha violentata.

La ragazza, peruviana, era appena uscita dall'ospedale dove aveva partecipato come comparsa a una fiction che si stava girando all'interno del nosocomio. Il fatto è accaduto intorno alle 19 di lunedì sera. Subito dopo la violenza, la ragazza si è rivestita ed è tornata in ospedale per farsi visitare. Trasferita nel centro specializzato della clinica Mangiagalli, dove è stata confermata la violenza sessuale, la ragazza ha poi denunciato l'accaduto ai carabinieri della stazione Gorla, della Compagnia Porta Monforte che pochi giorni fa hanno arrestato 'Cavallo', un membro di una gang latina che aveva stuprato due donne ed è stato incastrato dal Dna.

L'aggressore è stato sommariamente descritto come un cittadino dell'Est Europa, tra i 30 e i 40 anni, fuggito dopo la violenza a bordo di una bici. I militari stanno passando al settaccio le immagini delle poche telecamere della zona, così come hanno fatto gli uomini della Squadra Mobile poco tempo fa per il caso dell'anziana stuprata al Parco Nord.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La notizia su MilanoToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Heather Parisi: "La seconda quarantena a Hong Kong? Ecco come stanno davvero le cose"

  • Coronavirus, dagli alimenti alle banconote: a cosa stare attenti quando facciamo la spesa

  • Coronavirus, l'appello disperato di Linda da Londra: "Ci lasciano morire soli a casa come animali"

  • Coronavirus, perché i contagi restano stabili: "Il paradosso del plateau"

  • Coronavirus, Renga: "Nella mia Brescia una tragedia, i nonni non ci sono più"

  • Coronavirus, medico muore a 61 anni. L'ultimo post su fb: "Non uscite, è l'unica arma che avete"

Torna su
Today è in caricamento