rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Città Monza e della Brianza

Studentessa molestata e palpeggiata da due uomini in stazione

Il fatto è accaduto alle 6 del mattino di lunedì 20 novembre. La denuncia e il racconto della madre a MonzaToday

Come ogni mattina ha accompagnato la figlia in stazione, ed è rimasta in auto nel piazzale in attesa di ricevere la telefonata della ragazza che l’avvisava di essere salita sul treno. Questa mattina, lunedì 20 novembre, però, la telefonata non è arrivata. Ma pochi minuti dopo ha visto la figlia che usciva in lacrime dalla stazione: un uomo le aveva toccato il sedere e un altro le aveva pronunciato parole in una lingua straniera che la giovane non conosceva. Lei, impaurita, è scappata verso l’uscita ed è salita sull’auto della madre.

È la stessa mamma a raccontare alla redazione di MonzaToday l’accaduto e che ha invitato la figlia a denunciare alle forze dell’ordine. “Questi fatti sono gravi e non devono passare inosservati – ha spiegato la madre ancora scossa -. Non è possibile che una ragazza di 21 anni deve avere paura ad andare in stazione a prendere il treno per andare all’università”. E ancora in lacrime ricorda quello che è accaduto poche ore fa.

“Mia figlia studia a Varese - ha raccontato -. Alle 6 eravamo in stazione. Come sempre avrebbe preso il treno per Garibaldi e da lì quello per Varese. Come tutte le mattine io aspetto in auto fino a quando lei non sale in treno”. Non si sai mai quello che potrebbe succedere: un imprevisto, oppure un ritardo. “Questa mattina è successa una cosa che non dovrebbe succedere - ha continuato -. Lei stava scendendo le scale per andare al binario quando un uomo di colore le si è avvicinato e le ha toccato il sedere. Lei è rimasta pietrificata. E subito dopo le si è avvicinato un altro uomo che le ha detto qualcosa, ma lei non ha capito che cosa. È scappata verso l’uscita ed è subito salita in macchina terrorizzata”. La madre, nel frattempo, ha tranquillizzato la giovane e l’ha accompagnata alla fermata della metropolitana di Bignami da dove ha poi raggiunto la stazione di Garibaldi e quindi Varese.

“Io sono sconvolta, terrorizzata ma mi sento anche terribilmente in colpa - ha proseguito -. Ma come possono accadere questi fatti? È forse normale dover accompagnare una ragazza di 21 anni fino alla banchina del treno? Fortunatamente la situazione non si è evoluta ulteriormente, ma non è ammissibile che una ragazza alle 6 del mattino non sia neppure libera e sicura di andare a prendere il treno. E tutto questo succede in una città come Monza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studentessa molestata e palpeggiata da due uomini in stazione

Today è in caricamento