Sabato, 19 Giugno 2021
Città Roma

Rapina 7.500 euro in farmacia, il giorno dopo si pente e restituisce tutto: "Ho perso il lavoro, sono disperato"

I fatti a Vermicino, in provincia di Roma. L'uomo si sarebbe scusato con il farmacista mostrando anche la pistola giocattolo usata per il colpo

Foto di repertorio non riferita al contenuto dell'articolo

Ha rapinato una farmacia ma poi, pentito, ha chiesto scusa e ha restituito tutti i soldi. È successo in provincia di Roma, a Vermicino, dove ieri un uomo con il volto coperto e armato di pistola ha rapinato una farmacia comunale in via Tuscolana Vecchia scappando con i soldi della cassa. Un bottino non proprio misero: ben 7.500 euro. L'autore della rapina però deve aver passato una notte agitata. Probabilmente non avrebbe mai pensato di poter arrivare a delinquere. Tant'è che intorno alle otto di questa mattina, pentito del gesto, è ritornato sul luogo del fattaccio e ha riconsegnato tutti i soldi rubati.  Dal primo all’ultimo centesimo. Poi, rimanendo sempre con il volto coperto, ha fatto le sue scuse al farmacista. "Sono disperato perché ho perso il lavoro".

Il rapinatore avrebbe poi mostrato anche l'arma usata per il colpo: una pistola giocattolo. A raccontare l’episodio è stato proprio il farmacista che oggi si è presentato nella caserma dei carabinieri che stavano indagando con il nucleo operativo radiomobile di Frascati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina 7.500 euro in farmacia, il giorno dopo si pente e restituisce tutto: "Ho perso il lavoro, sono disperato"

Today è in caricamento