Sabato, 15 Maggio 2021
Torino

La consegna a domicilio era una trappola per rapinare il rider: arrestati il cliente e un suo amico

Le indagini su una rapina ai danni di fattorino di Glovo avvenuta quattro mesi a Torino hanno portato all'arresto di due persone

Lo hanno attirato in casa con la scusa di una consegna a domicilio, poi lo hanno aggredito, minacciato e rapinato. Questa l'accusa nei confronti i due ragazzi di 18 e 19 anni, arrestati e posti ai domiciliari. I due, entrambi di nazionalità italiana (uno di origini moldave e uno di origini senegalesi), sono ritenuti gravemente indiziati di rapina in concorso ai danni di un rider della società Glovo avvenuta quattro mesi fa in via Sansovino a Torino.

Lo scorso 15 novembre il rider, un italiano di 29 anni, è stato contattato da uno degli indagati per effettuare una consegna a domicilio di generi alimentari ritirati dal fastfood McDonald's di via Cossa. Una volta giunto nei pressi dell'abitazione, il rider è stato accerchiato e spinto a terra da alcuni giovani che lo hanno derubato di ciò che doveva consegnare insieme al portafoglio, con dentro carte di pagamento e denaro contante, tra cui i soldi per delle consegne precedenti.

Le indagini dei carabinieri della compagnia Torino San Carlo hanno consentito di individuare l'utenza telefonica dalla quale era partito l'ordine l'account di posta elettronica registrato da Globo, necessari per poter usufruire del servizio. Entrambi sono risultati riconducibili a due degli arrestati, che avevano preso parte attiva nel reato. Il giovane, contattato dalla compagnia, aveva negato di aver effettuato l'ordine sostenendo che gli fosse stato rubato il cellulare. Successivi accertamenti hanno poi permesso di risalire al complice. Il rider ha raccontato di essere stato aggredito da più persone, quindi è probabile che alcuni componenti del gruppo manchino ancora all'appello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La consegna a domicilio era una trappola per rapinare il rider: arrestati il cliente e un suo amico

Today è in caricamento