Venerdì, 14 Maggio 2021
Napoli

Perde prima il reddito di cittadinanza, poi la testa: arrestato

I carabinieri hanno arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento, interruzione di servizio pubblico o di pubblica necessità e porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere un 55enne di Somma Vesuviana presso l'Inps di Nola

Perde prima il reddito di cittadinanza, poi la testa. I carabinieri della compagnia di Nola hanno arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento, interruzione di servizio pubblico o di pubblica necessità e porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere, un 55enne di Somma Vesuviana già noto alle forze dell'ordine.

I militari dell'arma - allertati dal 112 - sono intervenuti presso l'Inps di Nola. Era stato segnalato un uomo che stava dando in escandescenze. Il 55enne è entrato negli uffici dell'Inps - l'ufficio relazioni con il pubblico - e si è lamentato per la recente revoca del reddito di cittadinanza. 

Gli animi si sono presto surriscaldati. L'uomo ha minacciato con un coltello la responsabile dell'urp e una guardia particolare giurata, danneggiando anche alcuni arredi ed oggetti presenti all'interno del locale. A quel punto è parso provvidenziale l'intervento dei carabinieri, che hanno bloccato e arrestato il 55enne. L'arma è stata sequestrata e il 55enne è stato condotto al carcere in attesa di giudizio.

Reddito di cittadinanza, dalla condanna "dimenticata" alla casa da 100mila euro

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perde prima il reddito di cittadinanza, poi la testa: arrestato

Today è in caricamento