rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Pescara

Reddito di cittadinanza: spunta la truffa del "bancomat illegale"

Il sistema illegale permetteva ai percettori del Rdc di "monetizzare" in contanti le somme presenti sulle carte

Era diventato un vero e proprio "bancomat" illegale per percettori di reddito di cittadinanza. Trattenevano una provvigione in cambio della consegna di denaro contante, eludendo il sistema in vigore, che invece permetteva di prelevare solamente cento euro dalle carte, sulle quali venivano caricate le somme mensili per l'acquisto di generi alimentari, articoli sanitari e forniture energetiche. Per questo, un tabaccaio di Pescara è stato denunciato assieme ad altre sette persone (due suoi collaboratori) dalla guardia di finanza, che ha scoperto il sistema fraudolento che violava quanto stabilito dalle norme riguardanti il reddito di cittadinanza.

I militari hanno acceso i riflettori sul tabaccaio che, nel proprio esercizio commerciale, arrivava in poche ore ad elargire migliaia di euro ai “clienti”, che si avvicendavano senza sosta davanti al bancone del negoziante. L'accusa è di truffa in concorso ai danni dello Stato. Una volta scoperto il meccanismo, le fiamme gialle si sono messe al lavoro per arrivare ad identificare altri possibili titolari di reddito di cittadinanza beneficiari nel tempo delle prestazioni abusive dell’esercente, facendo luce anche sul complessivo giro d’affari illecito del commerciante. Le indagini sono ancora in corso e non si esclude che possano avere ulteriori sviluppi scoprendo un giro ed un sistema più esteso e radicato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito di cittadinanza: spunta la truffa del "bancomat illegale"

Today è in caricamento