rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Città Modena

Il giallo dei resti umani trovati sul sentiero: è Saman Abbas?

Si confronterà anche il Dna della giovane scomparsa: ma è un collegamento fragile (tra Novellara e Maranello ci sono 50 chilometri). Le indagini sono solo all'inizio. Una testimone: "Osso segato di netto". Chi ha occultato i resti conosceva bene la zona

E' fitto il giallo dei resti umani trovati da un passante sabato a Maranello (Modena). Sarà prelevato il Dna per compararlo con quello di alcune persone scomparse di recente. Tra queste c'è anche Saman Abbas, la 18enne sparita dal 30 aprile 2021 da Novellara (Reggio Emilia) e che carabinieri e procura ritengono sia stata uccisa dai suoi familiari: da poco è stata chiusa l'inchiesta a carico di cinque persone per omicidio e soppressione di cadavere. Sembra tuttavia un collegamento fragile (tra Novellara e Maranello ci sono cinquanta chilometri), anche se oggi ne fanno cenno alcuni quotidiani nazionali.

Vicino al sacchetto c'erano abiti presumibilmente di donna, quel che resta di una sciarpa e un maglione. Non è detto però che i due ritrovamenti siano collegati. Secondo quanto scrive oggi il Resto del Carlino, dai primi riscontri la dentatura esaminata sarebbe riconducibile a una persona molto giovane. I resti, un teschio e altre ossa, in un sacchetto di cellophane con vicino degli abiti, sono stati segnalati da un passante, che abita lì vicino: il tutto è stato affidato agli esperti di Medicina legale per tentare una difficile identificazione.

Le indagini, come da prassi in questi casi, partono dall’esame delle denunce di scomparsa presentate negli ultimi mesi. Il torrente Tiepido attraversa il territorio maranellese correndo parallelo alla Statale 12 Nuova Estense. La zona è quella di Torre Maina, dove si trova un percorso ciclopedonale che segue il torrente ed è solitamente abbastanza frequentato. Ma è un sentiero piuttosto impervio. Chi è andato lì a occultare i resti probabilmente conosce bene la zona: ha provato a sotterrare il sacco, ma probabilmente gli animali selvatici, scavando, hanno fatto riemergere in parte i resti umani.

Un'altra residente ha rinvenuto domenica, la sera dopo il primo ritrovamento, verso le 19 un altro grosso osso, della lunghezza grossomodo di una trentina di centimetri, probabilmente un segmento di spina dorsale: "L’aspetto curioso è che è stato segato di netto", ha detto al Resto del Carlino. Tutto ora è in mano agli inquirenti. Il sindaco di Maranello Luigi Zironi commenta: "È un ritrovamento inquietante, speriamo dunque che sia fatta piena luce sulla vicenda nel più breve tempo possibile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giallo dei resti umani trovati sul sentiero: è Saman Abbas?

Today è in caricamento