Domenica, 13 Giugno 2021
Città Modena

Ossa umane nei boschi: si riapre il caso di Paola Landini, scomparsa nel nulla 9 anni fa

Il ritrovamento sulle colline a sud dell'abitato di Sassuolo è avvenuto durante le ricerche di Alessandro Venturelli, 21enne di cui non si hanno notizie da dicembre. Nessuna certezza

Immagine di repertorio

Ossa umane sono state trovate nei boschi sulle colline a sud dell'abitato di Sassuolo, in provincia di Modena. Potrebbe essere una svolta per un cold case lungo quasi 10 anni. Il ritrovamento è avvenuto durante le ricerche di Alessandro Venturelli, 21enne di cui non si hanno notizie da dicembre. Gli inquirenti stanno valutando se possa trattarsi dei resti della 44enne Paola Landini, scomparsa nove anni fa proprio in quella zona.

Vigili del Fuoco, Soccorso Alpino e Protezione civile, coordinati dalle forze dell'ordine, hanno battuto ieri la zona intorno al Tirassegno, per cercare tracce del giovane scomparso ormai 5 mesi fa. Un gruppo del Soccorso Alpino si è imbattuto in resti ossei e ha dato l'allarme, facendo scattare gli accertamento medico-legali disposti dalla Procura. In base a una prima perizia visiva si tratterebbe di ossa di donna.

Serviranno analisi più approfondite: subito è stata avanzata l'ipotesi che i resti possano essere quelli della donna che scomparve 9 anni fa. La zona della scomparsa era proprio quella del Tirassegno, dove la donna lasciò anche l'auto. Oggi sono riprese le ricerche di Venturelli, con le squadre che si sono spostate verso Fiorano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ossa umane nei boschi: si riapre il caso di Paola Landini, scomparsa nel nulla 9 anni fa

Today è in caricamento