Sabato, 15 Maggio 2021
Agrigento

Non accetta la fine della relazione e diffonde video intimi dell'ex fidanzato: "È revenge porn"

L'ultima storia arriva dalla Sicilia. Una donna perseguita e diffonde video e foto intime dell'ex compagno. Così per lei è scattato il divieto di avvicinamento

Foto: repertorio

Revenge porn, i casi si susseguono. Da tre mesi è è reato, colmando così un vuoto normativo. L'ultima storia arriva dalla Sicilia. Perseguita e diffonde video e foto intime dell'ex compagno. Così scatta il divieto di avvicinamento per una donna. E accaduto a Cammarata, nell'agrigentino, dove i carabinieri della Compagnia hanno eseguito una misura cautelare del divieto di avvicinamento, emessa dal gip presso il tribunale di Sciacca su richiesta della Procura della Repubblica di Sciacca.

Che cosa è successo, secondo le indagini degli inquirenti? Colpita dal provvedimento è una donna, residente nel territorio, indagata per il reato di diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti, il cosiddetto "revenge porn" introdotto dalla recente legge sul "codice rosso".

Che cos'è il reato di revenge porn

Il nuovo delitto punisce con una pena fino a sei anni una delle condotte purtroppo oggi più diffuse ed oltremodo allarmanti e dannose per gli effetti devastanti che hanno spesso sulla vita delle persone offese, mirando a perseguire l'abuso delle nuove tecnologie e cercando di costituire un deterrente a comportamenti, altamente lesivi dell'immagine e della reputazione altrui, che viaggiano attraverso il web con estrema facilità e con gravissime conseguenze personali per le vittime.

"La donna raggiunta dal provvedimento cautelare dell'autorità giudiziaria, incapace di accettare la fine della relazione con l'ex compagno, aveva iniziato a perseguitarlo - spiegano gli inquirenti - L'escalation rapidissima di aggressività della donna, culminata con la pubblicazione di filmati e foto che riprendevano momenti intimi della coppia, è stata immediatamente posta all'attenzione dalle autorità, che hanno tempestivamente provveduto all'adozione del provvedimento, applicato secondo le disposizioni contenute nel nuovo 'codice rosso', introdotto ad agosto".

In love with sexting: 5 app per farlo in modo sicuro

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non accetta la fine della relazione e diffonde video intimi dell'ex fidanzato: "È revenge porn"

Today è in caricamento