Lunedì, 14 Giugno 2021
Borzoli / Genova

Il primo giorno con il pubblico sugli spalti dello stadio finisce in rissa

Partita sospesa e soccorritori costretti a portare una ragazza in ospedale. La lite scoppiata tra genitori della leva 2005 si è conclusa solo con l'intervento della polizia

Una lite tra due genitori sugli spalti del campo sportivo Piccardo di Borzoli, nel pomeriggio di mercoledì 2 giugno, ha macchiato la giornata di festa per il ritorno del pubblico sugli spalti dopo il lunghissimo stop dettato dall'emergenza covid. Durante il match Borzoli-Genova Calcio della leva 2005 (categoria Allievi, ragazzi di 15 e 16 anni) è intervenuta anche la polizia per riportare la calma e una ragazza, figlia di uno dei due genitori coinvolti nella lite, nel nentativo di sedare gli animi si è infortunata cadendo a terra, sul posto è intervenuta anche un'ambulanza e la ragazza è stata portata in ospedale. La partita è stata sospesa, intorno al 25', per diversi minuti ed è poi ripresa dopo l'intervento delle forze dell'ordine, ma senza la presenza del pubblico sugli spalti.

Cinzia Bardelli, presidente del Borzoli, ha spiegato a Genova Today: "Un genitore della squadra avversaria ha più volte incitato il figlio a intervenire in maniera più ruvida sugli avversari, il padre di uno dei nostri ragazzi ha quindi replicato e il primo è sceso dalle gradinate con fare minaccioso. La figlia del nostro genitore è intervenuta per evitare che entrassero in contatto ed è finita a terra infortunandosi. In campo i giovani calciatori si sono spaventati e fermati, poi hanno cominciato a dire ai genitori di smetterla, credo che questo sia davvero il segnale più importante. Bisogna sdrammatizzare, vivere il calcio come un gioco e non insegnare nulla del genere ai propri figli. Sono stata costretta a chiamare le forze dell'ordine e a far sgomberare le tribune, è stato uno spettacolo indecente. Era il primo giorno in cui era ammessa nuovamente la presenza del pubblico, forse non ce lo meritiamo e forse la pandemia non ci ha insegnato proprio nulla. Ho ripreso anche il padre del nostro ragazzo perché non avrebbe dovuto rispondere alle provocazioni e spero che un fatto del genere non si ripeta mai più. Impariamo dai nostri ragazzi oggi molto più adulti di alcuni genitori".

Anche il presidente della Genova Calcio Marco Vacca, contattato da Genova Today, ha confermato la lite tra i due genitori, ma ha puntualizzato: "C'è stato questo diverbio tra i due genitori a causa dell'invito a un gioco più robusto, le persone sono state separate e purtroppo una ragazzina è incidentalmente scivolata e caduta, questo ovviamente dispiace molto. La partita è stata sospesa qualche minuto e i ragazzi in campo sono stati bravissimi rimanendo calmi, poi dopo l'intervento della polizia il match è ripreso in maniera regolare. Le forze dell'ordine hanno diradato il pubblico soprattutto per evitare assembramenti, non per motivi di ordine pubblico. Siamo dispiaciuti per l'episodio, dopo i tanti problemi legati al covid tutti abbiamo voglia di tornare alla normalità, è necessario abbassare i toni e vivere il calcio come un divertimento". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il primo giorno con il pubblico sugli spalti dello stadio finisce in rissa

Today è in caricamento