rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Persone scomparse / Pisa

Caso Ragusa, si indaga sulle liti tra la figlia e l'amante del marito

I carabinieri hanno invitato una segnalazione al Tribunale dei Minori di Firenze sui rapporti conflittuali tra la ragazzina e Sara Calzolaio

Continuano a uscire nuovi dettagli sul caso di Roberta Ragusa, la donna scomparsa da Gello di San Giuliano Terme nella notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012. Ci sarebbe stata infatti più di una lite tra la figlia della Ragusa, allora undicenne, e Sara Calzolaio, l'ex amante di Antonio Logli, accusato di aver ucciso e soppresso il cadavere della moglie. In quell'occasione i carabinieri investirono della questione addirittura il Tribunale dei minori di Firenze, inviando ai magistrati un dossier sulle tensioni in famiglia. Fu aperto un fascicolo ma finora non c'è stato alcun provvedimento.

Si legge nella relazione depositata in procura il 22 luglio 2013: "Sara Calzolaio discute con la bambina e poi si lamenta con Logli del comportamento di sua figlia". La Calzolaio "perde il controllo" quando la figlia di Logli "le risponde dicendole testualmente: 'di là ci vado perchè c'ho voglia e non perchè me lo dici te... questa è casa mia'".

I carabinieri segnalano anche altre conversazioni che "mettono in evidenza proprio il rapporto fortemente conflittuale instauratosi tra la Calzolaio e la bambina, nonché il disagio della minore per la presenza invasiva e autoritaria dell'amante del padre in casa".

In un'altra occasione, la Calzolaio si lamenta del comportamento della bambina. Logio difende l'amante e la figlia accusa la donna di riuscire a far fare al padre quello che vuole.

"La minore - scrivono i carabinieri - non accetta il fatto che Sara si sostituisca alla madre tanto da riferirle che, in sua assenza, vi è la propria nonna che può pensare a tutto". (PisaToday)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Ragusa, si indaga sulle liti tra la figlia e l'amante del marito

Today è in caricamento