Mercoledì, 28 Luglio 2021
Città Roma

Fiamme e fumi tossici: "A Pomezia il peggior rogo di rifiuti degli ultimi anni"

La denuncia di Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio: "Va fatta immediata chiarezza su cause e conseguenze". Il rogo ha distrutto l'azienda di stoccaggio e lavorazione della plastica da riciclo: case, scuole ed attività evacuate

Un vasto incendio si è sviluppato a Pomezia in un sito di stoccaggio di rifiuti industriali: a fuoco plastiche, ferro e carta. Dall'edificio si è alzata un'enorme nube nera visibile a chilometri di distanza, Roma, 5 maggio 2017. Sul posto i vigili del fuoco di Roma e Pomezia con tre squadre, tre autobotti e un carro schiuma. (FOTO ANSA)

POMEZIA (Roma) - La nube nera scaturita dall'incendio dei capannoni della Eco X di Pomezia sulla Pontina Vecchia fa paura. Il rogo che ha distrutto l'azienda di stoccaggio e lavorazione della plastica da riciclo ha fatto scattare l'allarme in tutto il territorio a sud di Roma, tra i Castelli e il mare.

Come riporta Roma Today sull'incendio stanno intervenendo da ore i vigili del fuoco, i tecnici di Arpa Lazio e le autorità del territorio e si contano già molte case, scuole ed attività evacuate con inviti alla precauzione, tra le altre cose nel lasciare chiuse le finestre, evitare la raccolta ortofrutticola e il pascolo, annullare manifestazioni all'aperto.  

"Questo è uno dei peggiori incendi di rifiuti degli ultimi anni - dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio - va fatta immediata chiarezza su cause e conseguenze che possono essere molto gravi per il territorio interessato, dato soprattutto l'inquinamento potenziale che le plastiche incendiate potrebbero diffondere e far ricadere al suolo. Chiediamo ad Arpa Lazio che già attivato tutti i monitoraggi, uno sforzo nella pubblicazione più veloce possibile dei risultati, per avere risposte sullo stato di qualità dell'aria e del suolo, durante e dopo questo drammatico incendio e sperando che i risultati possano far stare tranquille le persone. Intanto però a tutti i sindaci dei comuni coinvolti, chiediamo di mettere in campo tutti gli strumenti necessari per la salvaguardia della salute e dell'ambiente".

L'accumulo di rifiuti nella Eco X, lo stabilimento andato a fuoco a Pomezia, in una foto diffusa dal Comitato di Quartiere Cinque Podere che aveva presentato anche un esposto al sindaco per denunciare la situazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco di Pomezia Fabio Fucci, intorno alle 12:30, ha firmato un'ordinanza: "Nel giro di 2 chilometri dall'incendio le scuole saranno chiuse. Chiusi anche i negozi, mentre le finestre di casa devono restare serrate. In tutti gli edifici di comune uso personale, familiare o di lavoro, ricadenti in un raggio di 100 metri ha disposto l'allontanamento dei residenti". 

Disposto inoltre il divieto di manifestazioni ludico sportive, fruizione di impianti natatori e solarium o altri eventi programmati all'aperto. Per quanto riguarda la coltivazione e raccolta di ortaggi per uso domestico e le piantagioni ad uso commerciale, il consumo e la trasformazione dovranno avvenire solo dopo accurato lavaggio con acqua potabile. In caso di allevamento di animali deve essere vietato il pascolo di animali da reddito e ove possibile gli animali devono essere mantenuti al chiuso".

video incendio pomezia-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiamme e fumi tossici: "A Pomezia il peggior rogo di rifiuti degli ultimi anni"

Today è in caricamento