Venerdì, 17 Settembre 2021
CRONACA / Roma

Finti poveri, veri ricchi: sequestrati due milioni a rom

La guardia di Finanza ha sequestrato libretti di deposito, obbligazioni, gioielli e auto di lusso intestati: tutto intestati a venti rom che vivevano gratuitamente in un campo nomadi

ROMA - Per il Fisco e per Roma Capitale erano nullatenenti tanto che l'amministrazione capitolina li ospitava in campi nomadi gratuiti. In realtà, invece, avevano tesoretti in denaro, libretti di deposito, obbligazioni, gioielli e auto di lusso: il tutto per un patrimonio da due milioni di euro (GUARDA IL VIDEO). 

I venti nomadi intestatari dei beni risultavano ufficialmente indigenti tant'è che fruivano di alloggio ed utenze - acqua, elettricità e gas - gratuite a carico di Roma Capitale. Ma mentre Roma pagava le loro spese, loro si preoccupavano di fare crescere il loro tesoretto "sproporzionato e non giustificato dai redditi", scrivono i finanzieri. 

Gli elementi raccolti dalle Fiamme Gialle hanno così permesso alla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Roma di emettere venti provvedimenti di confisca dei beni già sottoposti a sequestro, sulla base della manifesta sproporzione fra il patrimonio posseduto ed i redditi dichiarati al Fisco. In più i sigilli ai beni sono scattati per "la conclamata pericolosità sociale dei proprietari, trattandosi di pregiudicati responsabili, negli anni, di numerosi episodi criminosi". (da RomaToday)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finti poveri, veri ricchi: sequestrati due milioni a rom

Today è in caricamento