Lunedì, 2 Agosto 2021
Città Roma

Rivolta contro centro d'accoglienza: eritreo ferito con una coltellata

Disordini, la scorsa notte, davanti al centro di accoglienza migranti di Via del Frantoio 44, dove vivono 70/80 profughi

Momenti di tensione e disordini, la scorsa notte a Roma, davanti al centro di accoglienza migranti di Via del Frantoio 44 (al Tiburtino Terzo, presenti 70/80 profughi), gestito dalla Croce Rossa.

Tensione al centro d'accoglienza

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri dalle testimonianze dei presenti, intorno alle 22 di ieri alcuni bambini residenti nella zona hanno riferito a casa di aver subito un lancio di pietre da parte di un cittadino di colore. Alcune donne, con parenti e conoscenti si sono allora recate al centro di accoglienza, per chiedere conto della cosa e regolare la questione.

50 persone fuori dai cancelli

In breve tempo però si sono radunate fuori dei cancelli circa 50 persone. Ne è nato un parapiglia, con urla e lanci di oggetti, ma la folla non avrebbe mai tentato di entrare nella struttura. Sul posto sono intervenuti prima i carabinieri, poi anche il Reparto Mobile della polizia e la situazione verso l'una è tornata alla tranquillità.

Ferito un eritreo

Le forze dell'ordine hanno identificato alcune persone e poi constatato che un migrante, un eritreo 40enne, probabilmente quello indicato come l'uomo che aveva lanciato le pietre, aveva subito una ferita da taglio alla schiena. Ricoverato all'ospedale Sandro Pertini, non è grave. Sono in corso indagi per chiarire l'esatta dinamica dei fatti e le eventuali responsabilità per il ferimento del migrante, senza escludere che l'uomo si sia ferito accidentalmente.

La notizia su RomaToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivolta contro centro d'accoglienza: eritreo ferito con una coltellata

Today è in caricamento