Sabato, 27 Febbraio 2021
Alessandria

Scomparso da nove giorni nei boschi, nessuna traccia: "Non smettete di cercarlo"

Saverio Tagliafierro ha 75 anni: "Mai si sarebbe allontanato volontariamente"

"Mai si sarebbe allontanato volontariamente": i familiari ne sono certi e chiedono che le ricerche non si fermino.  Dal 3 novembre nessuna traccia di Saverio Tagliafierro, 75 anni, di Pegli (Genova). Era andato con un amico nei boschi di Bosio, nel Basso Piemonte. Luoghi che per lui, appassionato fungaiolo, non avevano segreti. Gli amici non hanno dubbi: al pensionato è accaduto qualcosa. Marito e nonno felice, coloro che lo conoscono escludono categoricamente l'ipotesi scomparsa volontaria. Nessun elemento lo fa pensare. I familiari e gli amici chiedono che le ricerche non si interrompano, andando a interrogare chi ci abita e chi frequenta ogni giorno la zona. La moglie Maria e la figlia Giulia quotidianamente viaggiano tra Pegli a Bosio insieme con gli amici di famiglia per tenere i contatti con le forze dell’ordine.

Trovati il bastone e il cestino pieno di funghi

Per capire che cosa sia successo il 3 novembre non si può che partire dall'unica testimonianza diretta, quella dell’amico con cui Tagliafierro era partito per cercare funghi. L’uomo ha detto di avere perso di vista il compagno intorno a mezzogiorno: stanco dopo la mattinata trascorsa nei boschi, ha deciso di dirigersi verso l'auto parcheggiata. Saverio avrebbe chiesto qualche minuto in più, voleva fare ancora un giro. Dopo averlo atteso alla macchina per un'ora abbondante, l'amico si è incamminato nella direzione in cui aveva salutato Saverio Tagliafierro. Quando ha trovato, poco distante, il bastone intagliato da cui Tagliafierro non si separava mai e il cestino con i funghi, pieno e appoggiato a terra, ha iniziato a preoccuparsi.

Parenti e amici: "Non interrompete le ricerche"

Le ricerche sono partite inizialmente senza alcun coordinamento, con l’aiuto di altri cercatori di funghi: il timore era che Saverio si fosse sentito male (qualche anno fa ha avuto un piccolo ictus, da cui però si è ripreso completamente), e fosse impossibilitato a chiedere aiuto: il suo cellulare era rimasto in macchina. Poi dopo ore e ore l'allarme, le ricerche con vigili del fuoco e squadre di soccorso. Non è stata trovata in quasi dieci giorni di ricerche alcuna traccia, nemmeno una piccola indicazione. Il prefetto di Alessandria potrebbe decidere di sospendere le ricerche, coloro che a Saverio vogliono bene chiedono che ciò non avevnga: vogliono ritrovarlo.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scomparso da nove giorni nei boschi, nessuna traccia: "Non smettete di cercarlo"

Today è in caricamento