Lunedì, 8 Marzo 2021

A scuola spariscono 38mila euro: a rubarli un insospettabile papà

Succede a Brescia: l'uomo è finito a processo

Foto d'archivio

Quei soldi, raccolti grazie alle donazioni, sarebbero dovuti servire per finanzarie attività didattiche, o l'acquisto di materiale. E invece erano stati tutti indebitamente incassati dal tesoriere, un genitore come gli altri che era stato nominato proprio dal Comitato, e poi invece si era rivelato un abile ladro. Succede a Brescia, nell'Istituto comprensivo Nord 1. L'autore del deprecabile gesto, che in pochi mesi era riuscito a far sparire ben 38mila euro, un insospettabile papà che ora è finito a processo.

La notizia delle ultime ore è che tra le parti si sarebbe trovato un accordo, forse definitivo: il papà truffaldino risarcirà in tutto 25mila euro al Comitato genitori, coloro insomma che all'epoca (era il 2016) gli avevano affidato la gestione della tesoreria.

L’uomo dovrà dunque scucire cinque assegni da 5000 euro ciascuno per risarcire almeno in parte i soldi rubati ai genitori e ai ragazzi della scuola Lana-Fermi. A far saltare il suo piano quasi perfetto il mancato pagamento di una fattura, per la fornitura di materiale scolastico: da qui erano partiti vari accertamenti che poi avevano smascherato il sostanzioso ammanco.

La notizia su BresciaToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A scuola spariscono 38mila euro: a rubarli un insospettabile papà

Today è in caricamento