Giovedì, 23 Settembre 2021
CRONACA

"Senza cattura niente processo": a rischio risarcimenti per le vittime del killer di Budrio

Per liquidare ogni somma, la normativa infatti prevede che ci sia una sentenza definitiva, come spiega Il Resto del Carlino. Al momento Igor il killer è ancora in fuga

Continua la caccia al killer serbo Norbert Feher, meglio noto come Igor, in fuga da settimane. Se non verrà preso, non ci sarà nessun processo a suo carico e resterà di fatto impedita la possibilità di accesso al Fondo per le vittime di reato.

Per liquidare ogni somma, la normativa infatti prevede che ci sia una sentenza definitiva, come spiega Il Resto del Carlino

Senza di lui, il procedimento verrà congelato. Quello per il brutale omicidio di Davide Fabbri, nel suo bar a Riccardina di Budrio il 1° aprile. Quello della guardia volontaria Valerio Verri, l’8 aprile a Portomaggiore. E, in via ipotetica, anche quello di Salvatore Chianese, guardia giurata assassinata e rapinata il 30 dicembre 2015 a Fosso Ghiaia per cui è stato di recente indagato Feher. "È una tesi che non condivido e credo ci siano i margini per poter arrivare, al termine di tutto, al piccolo indennizzo previsto con il Fondo", commenta l’avvocato Giorgio Bacchelli che assiste la vedova e il padre di Fabbri. Ma la strada è certamente in salita.

L'ASSALTO DI IGOR AL BAR DI BUDRIO: IL VIDEO

Intanto potrebbero esserci novità utili dalla Serbia. le autorità locali hanno fatto sapere agli inquirenti italiani di essere al lavoro sulla richiesta del pm Marco Forte per ottenere il dna di Igor o quella della madre che vive a Subotica: Igor avrebbe scontato in un parte una condanna per rapina e violenza su minore in Serbia. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Senza cattura niente processo": a rischio risarcimenti per le vittime del killer di Budrio

Today è in caricamento