rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
CRONACA / Napoli

Sigilli a sette milioni di beni: maxi sequestro al "boss dei fiori"

Auto, aziende e rapporti bancari e finanziari per un valore di sette milioni di euro sono stati sequestrati a Gennaro Del Gaudio. L'uomo, sfruttando l'appartenenza al clan, aveva messo in piedi un monopolio dei fiori

NAPOLI - Grazie all'appartenenza al clan Cesarano, era diventato il "padrone" di tutti i fiori d'Italia. Gennaro Del Gaudio, leader del settore floro vivaistico meridionale, aveva allacciato infatti rapporti commerciali con operatori olandesi e del Nord Italia imponendo loro la commercializzazione dei propri prodotti. "O Zuppariello", questo il soprannome dell'uomo, con modalità estorsive, aveva creato un vero e proprio monopolio dei fiori. 

Monopolio, al quale, gli uomini della Dia di Napoli hanno assestato in mattinata un colpo deciso. Beni immobili e mobili per un valore di circa sette milioni di euro, infatti, sono stati sequestrati a Del Gaudio. Auto, società, rapporti bancari e finanziari che l'uomo era riuscito ad acquistare grazie all'attività di estorsione.

Dalle indagini è emerso che sia la ditta individuale intestata a Del Gaudio che altre società, "apparentemente lecite, ed a lui ricollegabili, non solo erano strumentali ad attività criminose nell'ambito del settore floro vivaistico ma anche in quello del trasporto merci su strada, oltre ad essere frutto di attività illecite quali estorsioni e usura". 

Sono stati, quindi, sottoposti a sequestro a Pompei e a Castellammare di Stabia beni nella sua disponibilità diretta o indiretta: una ditta individuale, due società e relative quote del capitale sociale, venti immobili a Pompei, dodici autorimesse a Pompei, tre terreni a Pompei, una autovettura Bmw X5 e venti rapporti bancari e finanziari. (da NapoliToday)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sigilli a sette milioni di beni: maxi sequestro al "boss dei fiori"

Today è in caricamento