rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca / Brescia

Lui disoccupato, lei incinta e con una figlia di tre anni: cittadini impediscono lo sfratto

L'uomo, un ex operaio metalmeccanico, è stato licenziato e non ha ricevuto gli ultimi stipendi nè la liquidazione. Ora, insieme a sua moglie incinta e a sua figlia, è vittima della morosità incolpevole ed è sotto sfratto

BRESCIA - Per la quarta volta l'ufficiale giudiziario ha bussato alla porta di casa sua a Nuvolera. E lui per la quarta volta gli ha spiegato che non ha soldi e che è vittima della morosità incolpevole. Da quando è stato licenziato "per riduzione del personale", infatti, la piccola azienda metalmeccanica dove aveva lavorato per anni gli deve ancora liquidazione e alcune mensilità di stipendio. 

Così da mesi, lui, sua moglie incinta e la loro piccola figlia di tre anni vivono senza luce e gas. In Prefettura non si è arrivati ad un accordo per l'indisponibilità del Comune ad intervenire e quindi lo sfratto resta, al momento, l'unica strada percorribile. 

Il picchetto dell'Associazione Diritti per tutti, forte di alcune decine di attivisti, questa mattina ha bloccato l'esecuzione. Ma lo sfratto è stato solo rinviato al prossimo 24 gennaio.

Fra due mesi, quindi, il futuro della famiglia sarà più che mai appeso a un filo. Ancora una volta. (da BresciaToday)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lui disoccupato, lei incinta e con una figlia di tre anni: cittadini impediscono lo sfratto

Today è in caricamento