Giovedì, 13 Maggio 2021
Roma

Insegue e molesta madre e figlia e poi si masturba nel cortile della caserma dei carabinieri

I militari hanno bloccato il maniaco, un giovane di 21 anni, e lo hanno arrestato per violenza sessuale

Prima ha palpeggiato una ragazza, poi ha pedinato lei e la madre finendo senza rendersi conto nel cortile della caserma dei carabinieri dove le due si erano rifugiate, continuando a masturbarsi. I militari lo hanno trovato così e lo hanno arrestato in flagranza di reato. 

Succede a Roma, nel quartiere Aurelio. Il maniaco, un 21enne della Nuova Guinea, ha avvicinato le due mentre queste camminavano sulla via Aurelia in zona Baldo degli Ubaldi. Il 21enne ha raggiunto la ragazza e ha iniziato a palpeggiarla. Le due donne si sono accorte che l’uomo si toccava con le mani le parti intime e si sono allontanate rifugiandosi nella stazione dei carabinieri in via Egidio Albornoz. 

I carabinieri hanno soccorso le due, mentre subito dopo è arrivato il molestatore, che senza rendersi conto di essere finito in trappola, le ha seguite fin dentro il comando. Con ancora le mani dentro i pantaloncini, i carabinieri lo hanno quindi rinchiuso nel cortile della stazione, per poi arrestarlo per violenza sessuale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insegue e molesta madre e figlia e poi si masturba nel cortile della caserma dei carabinieri

Today è in caricamento