rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Città Milano

"Aiutatemi a capire chi sono": lo smemorato della Centrale

La storia dell'uomo che vive in stazione centrale a Milano da due settimane. L'hanno chiamato "Raffaello". Trovato a Nova Milanese, ha perso la memoria. E nessuno ne ha segnalato la scomparsa

MILANO - Non sa chi è, da dove viene, con chi viveva, se aveva una famiglia o meno. E' senza memoria, senza ricordi, senza passato. Parliamo di un uomo tra i 40 a i 50 anni, ospitato in questi giorni nel centro d'accoglienza di via Ferrante Aporti, in stazione centrale a Milano.

La sua storia, raccontata dal Corriere.it, è davvero particolare. E' stato trovato mentre dormiva per strada a Nova Milanese due settimane fa, e i suoi ricordi iniziano in quel momento. Portato in ospedale, non ha evidenziato nessuna particolare patologia.

Per ora nessuno ha segnalato la sua scomparsa. Ha un particolare, che potrebbe farlo riconoscere: il tatuaggio di un leone al petto. Poi più nulla.

Dall'inflessione sembra milanese, brianzolo, o almeno qualcuno che in Lombardia vive da tanto. Ha capelli non foltissimi e castani scuri, occhi nocciola, sdentato. Indossa un maglione grigio e una giacca a vento blu. Ha una vistosa cicatrice al gomito sinistro.

Per chi dovesse riconoscerlo, si trova nel dormitorio comunale della stazione centrale. (da MilanoToday)

(foto Vaglia da Corriere.it)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Aiutatemi a capire chi sono": lo smemorato della Centrale

Today è in caricamento