Giovedì, 17 Giugno 2021
Omicidi / Napoli

Torre del Greco, Pietro ucciso per errore dal suo migliore amico

Nessuna esecuzione "di camorra": Pietro Spineto, 19 anni a ottobre, è morto per un tragico errore. Con un suo amico hanno trovato una pistola in strada. Nel maneggiarla, è partito il colpo mortale

In foto la vittima

TORRE DEL GRECO (NAPOLI) - Nessuna lite. Nessun regolamento di conti. Pietro Spineto, 19 anni ad ottobre, è morto per un drammatico incidente. E' quanto emerge dalle ricostruzioni degli inquirenti. Secondo quanto si apprende, il giovane è stato raggiunto alla testa da un colpo di pistola partito per errore. Non solo: l'arma era stata trovata per terra da un suo amico di 15 anni. E' stato lui stesso, in stato di shock, a raccontare agli inquirenti dell'incidente. 

L'INCIDENTE - Pietro e il suo amico stavando andando a dar da mangiare a dei cani di un conoscente, rimasti soli "per le vacanze" nel cortile di uno stabile di vico delle Bufale. Una volta nel cortile, hanno trovato l'arma: il 15 l'ha raccolta e lì sarebbe partito il colpo mortale, in piena nuca. Il giovane è prima fuggito in preda al panico, poi si è presentato ai carabinieri raccontando tutto.

LA FAIDA DI CAMORRA - E' stato proprio il colpo di pistola alla nuca a far propendere, all'inizio, per l'esecuzione in pieno stile camorra. Poi, la confessione e la drammatica scoperta. E' stato solo un gioco finito male. Ora la polizia prosegurà le indagini per risalire al proprietario dell'arma che i due giovanissimi avevano trovato sul selciato.

Tutti gli aggiornamenti su Napoli Today


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torre del Greco, Pietro ucciso per errore dal suo migliore amico

Today è in caricamento