rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cagliari

Arrestato per aver picchiato la moglie con una bottiglia, si toglie la vita in ospedale

L'uomo era stato ricoverato a Cagliari dopo essere stato fermato per maltrattamenti nei confronti della moglie. Inutili i soccorsi

Un uomo si è tolto la vita ventiquattr'ore dopo essere stato arrestato dai carabinieri per maltrattamenti nei confronti della moglie. Domenica l'uomo, di nazionalità filippina ma residente da anni in città, si è gettato dal settimo piano del Brotzu, l'ospedale di Cagliari dove era stato ricoverato in seguito ai fatti avvenuti nella notte tra venerdì e sabato. La conferma arriva dalle forze dell'ordine. I sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell'uomo.

I carabinieri del nucleo Radiomobile erano intervenuti intorno alle 2 di notte di venerdì 22 ottobre in un'abitazione di Cagliari dopo la segnalazione di un caso di violenza domestica nei confronti di una donna. Secondo quanto ricostruito da militari, la donna era stata ripetutamente ferita con una bottiglia di vetro impugnata dal marito; soccorsa, era poi trasportata all'ospedale Brotzu, dove è stata ricoverata con varie ferite. Anche il marito era rimasto ferito, procurandosi una lesione al tendine, e per questo era stato trasportato prima al policlinico di Monserrato e poi anche lui nello stesso ospedale della moglie, per essere sottoposto a un intervento chirurgico. Poi il tragico epilogo della vicenda.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato per aver picchiato la moglie con una bottiglia, si toglie la vita in ospedale

Today è in caricamento