Lunedì, 12 Aprile 2021

"Troppe bollette, non ce la faccio": a 36 anni si uccide proprio a Natale

Il dramma a Montesilvano: il padre non aveva notizie della figlia da diverse ore. Sapendo del suo stato depressivo ha chiamato i vigili del fuoco: in casa solo i guaiti del suo cagnolino

MONTESILVANO - Un doloroso fatto di cronaca ha funestato questa vigilia di Natale. Nella tarda mattinata di ieri i vigili del fuoco sono stati allertati dal padre di una donna di 36 anni. Il genitore non aveva notizie della figlia da qualche giorno e, sapendo del suo stato depressivo latente, ha iniziato a preoccuparsi.

IL CANE PIANGEVA - La squadra del 115, intervenuta sul posto, ha sentito il latrare del cagnolino senza però udire voci dall'interno dell'abitazione. A quel punto si è optato per l'intervento forzato da una finestra. La 36enne, che lavorava come infermiera in una clinica privata, era riversa a terra ai piedi del letto, ormai priva di vita.

IL SUICIDIO - La giovane donna si sarebbe tolta la vita avvelendandosi con dei farmaci: sul luogo della tragedia è stato trovato un biglietto: a portarla fino al suicidio i gravi problemi di natura economica in cui viveva da tempo.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Troppe bollette, non ce la faccio": a 36 anni si uccide proprio a Natale

Today è in caricamento