rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Città Roma

Ragazza romana muore di meningite a Vienna: tornava dalla Gmg a Cracovia

Susanna Rufi, 19 anni, è morta a Vienna, l'ultima tappa prima del rientro in Italia dalla Polonia. L'ospedale austriaco ha invitato i pellegrini transitati per Casa Italia a Cracovia a sottoporsi alla profilassi

Una ragazza romana di 19 anni, Susanna Rufi, è morta per una meningite fulminante a Vienna, durante il viaggio di rientro da Cracovia dove aveva partecipato alla Giornata Mondiale della Gioventù. La notizia è stata resa pubblica dalla Conferenza Episcopale Italiana. L'ospedale di Vienna ha invitato a sottoporsi alla profilassi tutti i pellegrini che nei giorni scorsi hanno visitato Casa Italia a Cracovia.

Susanna, della parrocchia di San Policarpo nel quartiere Appio Latino, si era sentita male domenica sera a Vienna, l'ultima tappa prima del rientro in Italia, dove era arrivata in pullman da Cracovia. Questa la ricostruzione di Rilando Frignani sul Corriere della Sera. I genitori sono già arrivati a Vienna. 

La giovane, scrive Il Corriere, era molto conosciuta nella comunità. "Da un anno si stava preparando per la Gmg - ha raccontato al Corsera don Alessandro, parroco di San Policarpo - Era una bravissima ragazza, molto attiva in parrocchia. Aveva appena sostenuto la maturità con ottimi voti, qui da anni faceva l’animatrice del gruppo giovanile, anche lei nel coro, e suonava il pianoforte e l’organo".

I cinquanta ragazzi che erano con lei sul pullman sono stati sottoposti a profilassi e dimessi in serata, poi nella notte sono rientrati a Roma. La Cei ha ricordato che da Casa Italia - il quartier generale a Cracovia del Servizio nazionale per la pastorale giovanile e principali punto di riferimento per gli italiani presenti alla Gmg - sono transitati non meno di 100mila pellegrini. 

"Nel caso in cui qualcuno accusasse sintomi quali febbre alta, mal di testa o di gola, problemi di vista o perdita di conoscenza, deve recarsi subito in ospedale, indicando quale potrebbe esserne la causa", scrive la Cei. La Chiesa italiana, prosegue la nota, "si stringe attorno ai familiari della ragazza rimasta vittima, a conclusione di un’esperienza che è stata all’insegna della fraternità e della condivisione".

La notizia su RomaToday

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazza romana muore di meningite a Vienna: tornava dalla Gmg a Cracovia

Today è in caricamento