Giovedì, 24 Giugno 2021
Milano

La donna che si risveglia dal coma durante una videochiamata col figlio: "Ciao, cosa stai facendo?"

È successo nella Rsa di Parabiago, comune della città metropolitana di Milano. Il racconto degli operatori sanitari

Foto di repertorio Ansa

Era in coma dal mese di gennaio del 2020. Poi, nelle scorse ore, è arrivato un "ciao" accennato con le labbra, con una semplice domanda rivolta al figlio che per un anno, quattro mesi e diciotto giorni non aveva avuto da lei nessuna risposta. È il miracolo accaduto nei giorni scorsi alla Rsa Leopardo di Parabiago, nel Milanese, dove una donna di 68 anni, di Settimo Milanese, si è risvegliata dal coma. L'anziana era considerata in condizioni irreversibili dal 7 gennaio dello scorso anno, quando era stata colpita da una gravissima emorragia cerebrale. Ma a fine maggio è arrivato l'incredibile evento: durante una videochiamata al figlio Andrea, la signora - che fino a quel momento non aveva mai avuto alcuna reazione - gli ha detto "ciao" con il labiale e gli ha chiesto cosa stesse facendo.

La donna che si risveglia dal coma durante una videochiamata col figlio

"La donna - spiegano dalla struttura sanitaria - ha poi parlato, senza emissione di suoni a causa della presenza della tracheocannula, e, non senza manifestare stanchezza, ha fatto capire al figlio e all'operatrice che stava gestendo la chiamata che, in tutto questo tempo, ha sempre potuto sentire voci e stimoli, ma non riusciva a comunicare". L'anziana, hanno proseguito dalla residenza sanitaria assistenziale milanese, ha anche ricordato che a un certo punto del suo percorso sanitario sono comparse le mascherine, prima non presenti, e ha chiesto di vedere la nuora, Alessandra, il figlio Andrea e i nipoti. Ha infine mosso le mani, facendo anche il segno di pollice in su, ha mandato un bacio al figlio e all'infermiera, dicendo che gli operatori "sono stati bravi con lei".

Arianna Tosetto, responsabile della struttura, ha sottolineato come anche durante il covid siano "sempre stati mantenuti i contatti coi parenti, alle finestre e in videochiamata, anche e soprattutto in un reparto come questo dove la comunicazione, sia verbale che di contatto, è essenziale e rappresenta un focus costante per gli operatori che si occupano degli ospiti e che si rivolgono a loro come se fossero perfettamente rispondenti agli stimoli e come se ogni possibilità fosse sempre aperta". "Ora, dopo la trasmissione della notizia anche alla responsabile Ats locale, restiamo in attesa di comprendere quali saranno le evoluzioni del quadro clinico della signora, nella speranza - hanno concluso dalla Rsa - che questo sia solo l'inizio di un inaspettato ed emozionante ritorno alla vita". 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La donna che si risveglia dal coma durante una videochiamata col figlio: "Ciao, cosa stai facendo?"

Today è in caricamento