Tenta il suicidio l'uomo che aveva cercato di sgozzare la fidanzata: salvato in extremis

Ha tentato il suicidio in carcere a Torino il detenuto tunisino di 36 anni che era stato arrestato dopo aver cercato di sgozzare durante un permesso la compagna che voleva lasciarlo

Foto: Ansa, repertorio

Salvato in extremis. Ha tentato il suicidio in carcere a Torino il detenuto tunisino di 36 anni che era stato arrestato dopo aver cercato di sgozzare la compagna che voleva lasciarlo. La donna aveva scoperto che in passato aveva ucciso la fidanzata 21enne dell'epoca e per questo era detenuto. L'uomo al momento dell'aggressione usufruiva di un permesso per lavoro. Riportato in carcere ieri ha tentato di impiccarsi con delle bende e un camice, ha fatto sapere l'Osapp, Organizzazione sindacale autonoma di polizia penitenziaria.

Beneduci (Osapp): "Noi in carcere salviamo tutti"

"Era sotto sorveglianza e gli agenti della penitenziaria sono intervenuti subito", ha spiegato il segretario dell'Osapp, Leo Beneduci, sottolineando: "Noi in carcere salviamo tutti, sono tutte persone per noi, mentre c'è chi a noi ci chiama torturatori".

Gli agenti sono intervenuti quando si sono accorti dalle telecamere che l’uomo era appoggiato in maniera anomala alle sbarre della cella.

Scopre l'omicidio commesso dal fidanzato e vuole lasciarlo: lui tenta di sgozzarla 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni, c'è una buona notizia sull'età di vecchiaia

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 9 novembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 12 novembre 2019

  • Nuovo maxi concorso: oltre 300 posti a tempo indeterminato, si cercano laureati e diplomati

  • Chiede il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere un albergo da 800mila euro

  • Medico muore durante il turno di notte: aveva 28 anni

Torna su
Today è in caricamento