Martedì, 22 Giugno 2021
Chiari / Brescia

Prende a morsi e testate la compagna anche davanti ai figli: folle di gelosia anche per l'amicizia con Balotelli

Condannato a 9 anni e 4 mesi di reclusione un 30enne di Chiari che per mesi ha molestato e maltrattato la compagna

Un trentenne di Chiari è stato condannato a 9 anni e 4 mesi di reclusione con l'accusa di aver molestato e maltrattato la compagna, madre di due bambini.  Un crescendo di violenza che sarebbe culminato nell'autunno del 2019 in tre episodi clamorosi: il primo, davanti alle amiche della giovane che avrebbero convinto il suo aggressore a desistere; il secondo, ai primi di novembre quando la 31enne sarebbe stata presa addirittura a morsi e testate, davanti ai suoi bambini (terrorizzati); l'ultimo, la sera di Natale, che si sarebbe concluso con una violenza sessuale.

È stato quest'ultimo episodio a convincere finalmente la donna a denunciare il compagno violento. Le indagini dei carabinieri in pochi mesi hanno ricostruito nei dettagli il lungo periodo di angherie. A quanto pare il 30enne, folle di gelosia, avrebbe iniziato a minacciarla, a sequestrarle il cellulare, per poi arrivare alla violenza fisica e sessuale.

Nella vicenda sarebbe rimasto marginalmente coinvolto anche Mario Balotelli. L'ex bomber del Brescia (ora in forza al Monza) sarebbe infatti amico della donna vittima di violenze e angherie: lei si sarebbe confidata, lui avrebbe cercato di difenderla. Ma per il 30enne poi condannato sarebbe stato l'ennesimo indizio a favore della sua incontrollabile gelosia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prende a morsi e testate la compagna anche davanti ai figli: folle di gelosia anche per l'amicizia con Balotelli

Today è in caricamento