rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Città Roma

Operaio scompare da casa: il cadavere ritrovato nel fiume Aniene

La vittima si chiamava Toma Sandel, di 51 anni: la famiglia non aveva più sue notizie dal 29 marzo

È stato identificato il cadavere dell'uomo trovato ieri nel fiume Aniene, nell'area del comune di Tivoli, a pochi chilometri dalla Capitale. L'uomo si chiamava Toma Sandel, di 51 anni, e faceva l'operaio in una ditta che si occupa della lavorazione del travertino nella zona del Villaggio Adriano. Per risalire all'identità dell'uomo è stato decisivo il braccialetto elettronico trovato sul polso del cadavere. Sandel era scomparso da casa il 29 marzo scorso quando, dopo essersi recato a lavoro sulla via Maremmana Inferiore, si era allontanato volontariamente senza documenti né telefono cellulare, poi trovati nell'abitacolo della vettura lasciata nel parcheggio dell'azienda dove l'uomo si era recato a lavorare.

A presentare denuncia di scomparsa era stato il figlio dell'uomo. Proprio grazie al braccialetto elettronico era stato possibile localizzare la posizione del 51enne. I vigili del fuoco della caserma di via Tiburtina hanno cominciato le ricerche nel fiume tramite il nucleo sommozzatori, con l'ausilio degli agenti di polizia. 

Ricerche che non avevano dato i risultati sperati sino alla tarda mattinata di ieri quando una chiamata al 112 ha indicato la presenza di un cadavere nel fiume che attraversa il quadrante nord est di Roma e provincia. Recuperato il corpo, inizialmente non identificabile a causa del deterioramento della salma dovuto ad una prolungata permanenza in acqua, il riconoscimento in Toma Sandel è stato effettuato tramite il braccialetto elettronico che indossava e dai parenti.  

Al 51enne infatti era stato applicato il dispositivo elettronico di rintraccio nell'ambito di un procedimento del tribunale di Tivoli per maltrattamenti in famiglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio scompare da casa: il cadavere ritrovato nel fiume Aniene

Today è in caricamento