rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Città Lecce

"Piacere, sono Antonello": la donna coi baffi che truffava mezza Italia

Una donna 45enne usava barba e baffi per trarre in inganno diverse persone, impossessarsi di assegni, aprire conti bancari e non pagare in alberghi e bed and breakfast. Condannata a un anno e 4 mesi

"Antonella? E' un errore all'anagrafe, mai corretto. Mi chiamo Antonello". E, visti barba e baffi, fatti crescere con una cura ormonale, non c'era che da credergli. Ma Antonella Casaluci è veramente una donna: è originaria di Galatone (in provincia di Lecce), ha 45 anni e sarebbe una scaltra truffatrice. La scaltra leccese è stata condannata a un anno e 4 mesi dal Tribunale di Ferrara. In realtà, solo l'ultimo guaio giudiziario in ordine di tempo.

La curiosa notizia è stata pubblicata su "La Nuova Ferrara", giornale del gruppo L'Espresso. Pare, dunque, che Antonello/a Casaluci sia ormai noto/a un po' ovunque, addirittura considerato/a socialmente pericoloso/a. Il modus agendi, pressappoco sempre lo stesso, per non pagare il conto in alberghi e bed and breakfast di tutta la penisola e mettere a segno furti.

La vicenda per cui i giudici hanno emesso la condanna risale a due anni addietro. A Francolino, frazione di Ferrara, la 45enne galatonese, si era stabilita in una struttura turistica, stringendo un legame di amicizia talmente saldo con i titolari e i residenti del posto (è una piccola comunità in cui risiedono meno di 2mila abitanti), da trarre tutti in inganno. E, una volta conquistata la fiducia, sarebbe riuscita a strappare un assegno in bianco dal blocchetto di una persona da poco conosciuta, cercando di aprire un conto corrente. Ma, poiché l'assegno era scoperto, il trucco venne miseramente scoperto. La denuncia fu sporta presso la stazione dei carabinieri di Pontelagoscuro.

Grazie al "giochetto" della doppia identità, la donna con i baffi avrebbe aperto conti correnti in filiali bancarie e postali in tutta Italia, incassando gli assegni sottratti, e non pagando il conto nelle località in cui si ferma. Risale a solo venti giorni addietro l'ultima denuncia per furto e truffa, in questo caso a Padova. (da LeccePrima)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Piacere, sono Antonello": la donna coi baffi che truffava mezza Italia

Today è in caricamento